placuzzi

Lavoro stagionale: Confartigianato ha sottoscritto un importante accordo sulla flessibilità

A cura dell’Ufficio Stampa
uff.stampa@confartigianatofc.it

È stato siglato il 3 luglio l’accordo quadro per la regolamentazione del lavoro stagionale da Confartigianato regionale e dalle altre federazioni regionali dell’artigianato con i sindacati confederali e di categoria, con benefiche ricadute nel territorio cesenate e romagnolo, ad alta valenza turistica, dove la stagionalità del lavoro riveste un peso preminente.
“Si tratta di un contratto stagionale che sfugge alla maglie costrittive del Decreto dignità – osserva il vicesegretario  Confartigianato Cesena Giampiero Placuzzi –  con un’ampia deroga, che favorisce flessibilità del lavoro per le nostre aziende, richiesta a più riprese avanzata da Confartigianato. 

“L’accordo – mette in luce il vicesegretario Giampiero Placuzzi – non ha una scadenza  temporale ed è già operativo. A potere fruire e della stagionalità sono  tutte le imprese artigiane e non artigiane, con alcune eccezioni, in  ogni caso il perimetro della “stagionalità” è molto ampio e consente di  soddisfare le esigenze di molte aziende. Non vi sono limiti di durata annuale del contratto stagionale, il quale  può essere frazionato in più rapporti durante l’anno, salvo non superare  i sei mesi complessivi nell’anno, perché altrimenti si perde il concetto  di stagionalità: in definitiva un’ottima opportunità per le nostre  imprese”.
“Premesso che il lavoro non si crea per decreto – aggiunge il Gruppo di Presidenza  di Confartigianato Cesena – , e che i provvedimenti per l’occupazione debbono  intrecciarsi con misure  per rilanciare l’economia e incentivare i  consumi, Confartigianato ritiene  che le politiche del lavoro vadano  riorientate verso l’impresa diffusa e i sistemi dell’artigianato e del  terziario di mercato, sistemi che impiegano la maggioranza degli  occupati. 
A tale proposito, la ripresa dell’occupazione e l’incremento della produttività non possono prescindere dalla flessibilità degli orari di lavoro e dalla possibilità per le imprese di ricorrere a tutte  le forme contrattuali disponibili. Queste esigenze di flessibilità  sono  particolarmente sentite dalle imprese dell’artigianato e del terziario  di mercato, che necessitano di strumenti contrattuali in grado di far  fronte alla produzione nei picchi di attività e l’accordo quadro per la  regolamentazione del lavoro stagionale sottoscritto il 3 luglio va esattamente in questa positiva direzione”.

Nella foto il vicesegretario Confartigianato Cesena Giampiero Placuzzi