lorenaantonella

L’artigiana stilista confeziona mascherine contro il coronavirus

A cura dell’Ufficio Stampa
uff.stampa@confartigianatofc.it

L’artigiana stilista… delle mascherine contro il coronavirus. Una  emergenziale riconversione fatta col cuore in mano per Lorena Fantozzi, attualmente presidente del Gruppo Donne Confartigianato e fino al 2019 nel Gruppo di Presidenza di Confartigianato Federimpresa Cesena, che nel 2004 ha creato il marchio Lo&Lo, impresa di moda nella zona artigianale di Villalta di Cesenatico, che esporta le sue creazioni in particolare nel mercato francese, ma anche in Russia, Cina, Giappone, Emirati Arabi, oltre a lavorare in conto terzi per grandi marche italiane.

“Da domenica – afferma Lorenza Fantozzi – mia madre Antonella ed io abbiamo iniziato a realizzare mascherine per l’ospedale Bufalini e per la casa di riposo don Baronio di Cesena. Visto che le nostre non sono mascherine a norma o certificate, vorrei specificare che vengono messe a disposizione di tutti i collaboratori dell’ospedale e dei loro famigliari. Ne abbiamo già consegnate un centinaio. Utilizziamo il cotone a nostra disposizione in magazzino, che è lavabile e riutilizzabile, provvidenziale in questa fase di difficoltà di approvvigionamento delle merci. Ci siamo messo in contatto anche con la Protezione civile dando la nostra disponibilità a renderci utili. Credo che ognuno di noi, per quel che può fare, debba dare un contributo in questa fase di emergenza che ci è dato di vivere. Il nostro fronte è qui in laboratorio, con il nostro mestiere artigiano”.
Siamo pronte ad aumentare la produzione – aggiunge -. Creiamo abiti, ma è un grande onore per noi poter realizzare mascherine per l’ospedale e i nostri anziani e potere fare impresa vicini alle esigenze così vitali di famiglie, territorio e comunità, come in Confartigianato ci riproponiamo di fare ogni giorno, e di potere fare del bene in queste circostanze così eccezionali. Un lavoro artigianale, fatto con cura e pensando a quanto possono essere utili a chi le adopererà. Mia madre ed io ci siamo anche commosse durante il lavoro: è una circostanza che non avremmo mai creduto di vivere ma che credo renderà tutti noi più forti ed essenziali”.

Nella foto Lorenza Fantozzi nel suo laboratorio di Villalta di Cesenatico  con la madre Antonella Palafioriti mentre indossano le mascherine appena confezionate.