Territorio, prospettive, innovazione

L’innovazione tecnologica è fondamentale, ma se si parla di manifattura e PMI bisogna esaltare e raffinare le caratteristiche locali. 

“Siamo un Paese fatto di differenze, standardizzare va contro la nostra natura e ci danneggia”quindi “va bene l’innovazione tecnologica, ma non deve creare standardizzazione, altrimenti quella sui mercati diventa solo una competizione fiscale” (…) “celebrare l’artigianalità e la manifattura oggi significa celebrare la biodiversità produttiva italiana”. 

Sono temi importanti, di cui ci parla Paolo Manfredi nel suo libro “Provincia, non periferia“. Responsabile delle strategie digitali di Confartigianato Imprese, l’autore sottolinea la peculiare capacità italiana nel trovare soluzioni personalizzate e non standardizzate: caratteristica che ha sempre reso competitive le nostre imprese, a prescindere dalle loro dimensioni.

Occorre quindi innovare le diversità con rispetto delle peculiarità locali, sperimentando un possibile nuovo paradigma d’innovazione radicale, che punti alla valorizzazione delle differenze in termini di competenze, culture e territori.

Parola chiave quindipersonalizzazione”, da sempre orgoglio del produttore italiano, capace di unire alla funzionalità un indiscutibile valore estetico. 

L’obiettivo è creare un maggior sviluppo ma servono congiunzioni forti: “L’economia Digitale e delle piattaforme tecnologiche impone sia competenze specializzate, sia attività ad alto valore aggiunto, che sono radicate in contesti urbani e sono più di valore in grandi contesti urbani. In pratica, il sistema funziona meglio dove c’è una densità importante di risorse, competenze, strumenti”.

Affinché il territorio non soffra il suo carattere periferico, serve consolidare il concetto di rete, che sia però una filiera corta e allo stesso tempo congiunzioni lunghe, intese come raggiungimento e collegamento di competenze, risorse e specializzazioni rilevanti. 

“La manifattura e il suo mondo di culture, luoghi e persone, sono la nostra principale risorsa, e sulla sua innovazione radicale bisogna scommettere con maggiore coraggio e decisione se vogliamo salvare la nostra economia, il nostro lavoro, la nostra provincia e anche la nostra anima”.

Ti aspettiamo al nostro Business Cocktail, giovedì 14 novembre dalle ore 18.00 presso Cesena Lab, in Via Martiri della Libertà numero 14, a Cesena.
A questo link puoi trovare la location.

Relatori

  • Paolo Manfredi, Responsabile Innovazione Confartigianato Imprese
  • Alessandro Ricci, Professore associato Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria UNIBO
  • Marco Giangrandi, CEO Tecnocopi – Office Tecnomation
  • Denis Parise, Architetto

Giovedì

14

Novembre

Un evento organizzato dallo Sportello Digitale Confartigianato

In collaborazione con

Compila il form per partecipare all'evento.